Dietro le quinte di DigitAlly, l’innovativa scuola di formazione fortemente voluta e sostenuta da Oltre Venture e che prepara i giovani al mondo del lavoro, nelle parole della CEO Francesca Devescovi.

Quando abbiamo lanciato la prima edizione del corso di DigitAlly, un anno fa, ci siamo posti un obiettivo ambizioso: dare vita a una nuova “alleanza” tra imprese, famiglie e giovani, per consentire a questi ultimi di diventare al più presto autonomi attraverso l’acquisizione delle conoscenze fondamentali per fare il proprio ingresso nel mondo del lavoro.

I numeri, in questo senso, restituiscono solo un’immagine parziale del lavoro svolto in questo primo anno di attività: due edizioni del corso, ciascuna composta da tre mesi di formazione full time, per un totale di 400 ore di apprendimento delle “digital skill” e 113 ore dedicate allo sviluppo delle “soft skill”. Il risultato più evidente? Oltre il 94% degli studenti ha ottenuto uno stage regolarmente retribuito entro due mesi dalla fine delle lezioni.

Mentirei se dicessi che si è trattato di un percorso lineare fin da subito: non sono mancati i momenti di incertezza, soprattutto quando il lockdown ci ha costretto a digitalizzare tutta la didattica. Non abbiamo, tuttavia, mai voluto rinunciare a quel rapporto diretto tra gli studenti e i “personal coach” dedicati: dall’offline all’online, i ragazzi hanno sempre potuto contare su un punto di riferimento fondamentale in azienda anche nel momento di maggior isolamento sociale.

Sono stati mesi difficili e complessi, in cui il nostro team non ha mai smesso di ideare nuove soluzioni per garantire la continuità didattica: i docenti hanno aiutato i ragazzi a sviluppare le proprie competenze sugli strumenti più importanti di digital marketing e data analysis attraverso la creazione di gruppi di lavoro online, e abbiamo introdotto modalità di apprendimento “smart” per preparare i ragazzi allo stage presso le aziende che da tempo hanno adottato lo smart working.

DigitAlly, gli studenti al lavoro
DigitAlly, gli studenti al lavoro in classe durante il primo trimestre di corso

In questo senso, il sostegno di Oltre Venture è stato fondamentale in questi mesi sia per assicurare un costante supporto finanziario alla società ed espandere il network dei partner (tra cui Centro Medico Santagostino, Cerved, Jointly, ING, Mediolanum, Nexi, Prysmian, Trenord, UniCredit, Unipol, Zambon e molte altre), sia per aiutarci a mettere in atto strategie e processi di management funzionali a riprogettare l’esperienza dello studente nel contesto post-lockdown.

È così che siamo arrivati a progettare una nuova offerta didattica, immutata nei suoi aspetti fondamentali ma fortemente rinnovata nelle modalità di erogazione dei contenuti: a fine settembre comincerà il primo “Sprint Master”, che si svolgerà interamente online con tre mesi di lezioni in diretta streaming e si concluderà con uno stage retribuito e garantito di sei mesi in una delle aziende partner del progetto.

Lo “Sprint Master”, oggi, rappresenta l’inizio di un processo di formazione continua tra aule “virtuali” e luoghi di lavoro online e offline: premessa indispensabile per far sì che ogni studente possa uscire da quello stato misto di rassegnazione, smarrimento e angoscia in cui si trovano molti giovani al termine del percorso di studi tradizionale, per entrare a far parte di una community di docenti, professionisti e coetanei con cui crescere e migliorarsi continuamente.

Voi chiamatela, se volete, una nuova “alleanza”.

Francesca Devescovi
CEO di DigitAlly

Articoli Correlati