back

Social innovation: quali sono le tematiche più impattate

11 maggio 2018 - 11:45

È difficile circoscrivere il concetto di social innovation. In teoria si tratta di un indirizzo, un movimento ideale verso la creazione di un ecosistema ad alta efficacia  fondato sulla convergenza di interessi pubblici, privati e collettivi. All’atto pratico è diventato un vero e proprio modello economico che fa dell’apertura e dell’integrazione due pilastri che a loro volta poggiamo sull’adozione di soluzioni all’avanguardia e su nuove modalità di erogazione dei servizi.  Non a caso la social innovation è considerata dal programma comunitario di sviluppo Horizon 2020 la policy prioritaria per guidare la crescita dei Paesi membri dell’Unione in ambito industriale.

 

Social innovation: il ruolo delle startup

 

Anche in Italia si sta cercando di dare risalto a questo modello e l’entità identificata per agevolarne la diffusione è la startup. Il problema è che in Italia, a differenza di altri mercati in cui i capitali circolano con maggiore facilità e la spinta all’innovazione è strutturale, le idee e i piccoli gruppi di lavoro che provano a realizzarle fanno fatica a trasformarsi in realtà operative e, ancor di più, in imprese sostenibili dal punto di vista economico.

È qui che intervengono organizzazioni come Oltre Venture, il fondo di Venture Capital creato nel 2006 da Luciano Balbo e Lorenzo Allevi, che hanno introdotto in Italia i prodotti finanziari specificamente dedicati alla social innovation. L’approccio di Oltre Venture si basa per l’appunto su apertura e integrazione, con l’obiettivo di generare il maggior numero possibile di sinergie tra soggetti a cavallo di pubblico e privato attraverso l’introduzione di nuovi modelli di erogazione dei servizi.

 

Il valore dell’ecosistema per innovare nel sociale

Gli ambiti applicativi sono quelli più impattati dai fenomeni che, spontaneamente o per induzione, stanno componendo, anche nel nostro Paese, lo scenario della social innovation. Dall’assistenza sociale e socio-sanitaria fino ai temi dell’educazione e della formazione, passando per la valorizzazione territoriale e turistica, spesso l’offerta pubblica non riesce a tenere il passo delle trasformazioni tecnologiche e delle esigenze scaturite dalle esperienze d’uso evolute che sempre più caratterizzano l’accesso e la fruizione di molti dei servizi che esulano dal Terzo Settore. Riuscire a trasferire quel tipo di user experience anche in ambiti solitamente meno battuti dalle organizzazioni private è il primo passo per dar vista a un ecosistema in cui possa attecchire la vera social innovation.

 

Talento Intraprendenza e fiducia per sostenere la social innovation

In effetti, per sostenere il cambiamento propugnato da questo modello, oltre alle risorse economiche e alla consulenza manageriale che può fornire un’organizzazione come Oltre Venture, sono necessarie le tecnologie, ma soprattutto le idee giuste. I nuovi modelli economici dell’innovazione sociale offrono una miriade di opportunità. Per coglierle e coltivare le proprie idee occorrono talento intraprendenza e fiducia : i fondi di venture capital sociale sono alla ricerca di questi imprenditori.