back

Mario Venturi, Amministratore delegato di KeyCrime: “Con OltreVenture per fare del bene alla collettività”

28 maggio 2018 - 16:38
keycrime-venturi

 
Keycrime: informatica e investigazione si uniscono per la lotta al crimine. È possibile prevedere ed evitare il verificarsi di eventi criminosi? Questa la domanda attorno alla quale ruota l’universo della predictive policing, tra le strategie più innovative e promettenti studiate e sperimentate dalle forze dell’ordine negli ultimi anni, in tutto il mondo.
 
Una risposta all’avanguardia è stata sviluppata proprio in Italia: si chiama KeyCrime ed è un software rivoluzionario ideato da Mario Venturi, ex assistente capo della questura di Milano, già a partire dal 2004. Dopo oltre un decennio di sperimentazione, e grazie all’intervento di Oltre Venture, il programma si appresta ora al lancio su larga scala.
 
Ma come funziona? KeyCrime è, di base, un grande database per l’archiviazione dei dati relativi ai crimini commessi: per ogni evento, è in grado di elaborare oltre 11 mila informazioni ricavate da testimonianze, prove e sistemi di videosorveglianza e relative alle caratteristiche del reato (data, ora, localizzazione geografica, edificio interessato e sua destinazione), alle persone coinvolte (età apparente, caratteristiche fisiche, abbigliamento), alle armi e ai veicoli utilizzati. Ma l’applicativo non si limita ad archiviare le informazioni: è infatti in grado di analizzare i dati secondo modelli comparativi e probabilistici, identificando eventuali serialità e riconducendo più eventi all’operato di un unico autore (anche se dall’identità ignota). Diventa così possibile identificare le strategie dei criminali e, in alcuni casi, anche contrastarle e prevenire nuovi reati.
 
KeyCrime è in uso alla Polizia di Milano sin dal 2007. Attualmente limitato esclusivamente all’analisi delle rapine, ha prodotto risultati estremamente positivi in termini di riduzione dei crimini e di indagini risolte: solo nei primi sette anni, tra il 2008 e il 2015, i furti ai danni di negozi, farmacie e supermercati nel capoluogo lombardo sono diminuiti del 57%. E il Dipartimento di Economia dell’Università di Essex, Regno Unito, ha calcolato un ritorno per la popolazione milanese di 2,5 milioni di euro all’anno, tanto sarebbe stato l’ammontare delle rapine, se non fosse stato adottato il software.
 
Risultati che hanno attirato l’attenzione del mondo: KeyCrime è stato oggetto di interesse da parte di organi governativi, forze di polizia e prestigiose istituzioni universitarie estere e caso di studio per diversi media internazionali (dalla HBO a Bloomberg).
 
 

KeyCrime e Oltre Venture

 
KeyCrime oggi è una startup che vuole crescere: l’obiettivo espresso da Mario Venturi è quello di reingegnerizzare il software e potenziarne le capacità di elaborazione, per impiegarlo nell’analisi di altri crimini seriali (come furti in appartamento, violenze sessuali o truffe ai danni degli anziani) e renderlo adattabile a diverse geografie, commercializzandolo anche fuori dall’Italia.
 
Proprio qui si inserisce l’intervento di Oltre Venture, che è al fianco di Venturi dal 2017 ed è attualmente lead investor della startup: l’intervento del fondo si è concretizzato in un importante investimento economico, nell’individuazione di altri investitori, poi in uno studio delle possibilità di commercializzazione dell’applicativo a livello globale e nell’assistenza nello sviluppo dell’idea a livello di networking, strategia e operatività.
Oltre Venture è stato decisivo, negli ultimi mesi, anche per la chiusura delle partnership con due attori, una grande azienda tecnologica e una attiva nel settore analytics, che permetteranno l’ulteriore crescita di KeyCrime sia a livello di potenziamento dell’algoritmo sia a livello di distribuzione commerciale. Si prevede che una prima versione del nuovo software sarà pronta entro la fine del 2018, e potrà essere commercializzata a partire dal 2019.
 
Mario Venturi: “Grazie Oltre Venture perché ha creduto in me, nella mia idea, e perché ha permesso di sviluppare un progetto che porta e porterà del bene alla collettività. KeyCrime è nato proprio per cercare di avere un impatto positivo sulla società, e per noi essere affiancati da un partner come Oltre, pioniere dell’impact investing in Italia, è motivo d’orgoglio”.